Sostenibilità: come se la cavano i festival italiani?


L'indagine di TrovaFestival su un campione di 80 festival culturali italiani presentata a Milano il 4 dicembre 2023

FESTIVAL E SOSTENIBILITÀ: IL QUESTIONARIO DEL TOURFEST

La sostenibilità è una materia in costante aggiornamento, che non dovrebbe vivere di slogan, ma di analisi, rapporti, metodi e casi studio scientifici. I festival, megafoni privilegiati di informazione, possono giocare un ruolo importante nella comunicazione e divulgazione dei principi relativi alla sostenibilità. Ma come se la cavano i festival italiani?
Per provare a rispondere a questa domanda, dal 1° maggio al 31 ottobre 2023 il team di TrovaFestival, in collaborazione con l’Associazione Culturale Ateatro che ha sostenuto il progetto, ha visitato 80 manifestazioni in tutta Italia per osservare direttamente come si approcciano i festival al tema della sostenibilità, ambientale e sociale. Un grazie quindi ai festival che ci hanno ospitate e sostenute in questo percorso, per la loro generosità e sensibilità.
Il team, composto da Martina Balsamo, Francesca Bongiovanni, Valeria Bruzzi, Valentina Dagrada, Gian Luigi Demenego, Francesca Iacono, Giulia Imbriani, Mariella Pace, Guglielmo Poto, Valeria Tacchi, Johanna Tedde, con il coordinamento di Giulia Alonzo, Martina Bruno, Leonardo Mozzato e Oliviero Ponte di Pino, ha compilato a un questionario di 32 domande, per valutare come ogni festival in esame si sta approcciando al tema della sostenibilità, ambientale e sociale.
Il questionario nasce dal più ampio progetto Linee Guida per Festival Sostenibili, un prontuario per aiutare i festival a muoversi verso una nuova sostenibilità, partendo dal presupposto che per rendere un evento sostenibile non basta adottare una serie di misure per limitare il danno ambientale: è necessario utilizzare un approccio globale, che investa tutte le fasi, dalla progettazione alla valutazione finale.
Le Linee Guida, lanciate il 3 aprile 2023 all’Università Cattolica di Milano, sono un progetto a cura dell’Associazione Culturale TrovaFestival in collaborazione con BBS-Lombard, studio specializzato in economia della cultura, particolarmente attento alle tematiche della sostenibilità ambientale e sociale, e in partnership con il MEC – Master Eventi e Comunicazione per la cultura e con l’Associazione Culturale Ateatro.
Per l’indagine sui festival dell’estate 2023 si è adottata una metodologia mista, combinando l’osservazione partecipante qualitativa con la compilazione di un sondaggio quantitativo. Il questionario era composto da 32 domande a risposta chiusa, compilate direttamente dagli osservatori per evitare una compilazione parziale e tendenziosa da parte degli organizzatori o dello staff dei festival osservati. Nonostante si trattasse di un sondaggio a risposta chiusa, era prevista per ogni domanda una possibilità di approfondimento con un campo note. Questo approccio, combinato con l’osservazione sul campo, ha consentito un’analisi e un’interpretazione più approfondita e dettagliata, dando la possibilità inoltre di osservare singolarmente le azioni proposte da ogni festival nella molteplicità dei dati raccolti.
Il campione di riferimento, scelto tra gli oltre 1400 festival mappati da TrovaFestival, non può essere considerato rappresentativo dell’intero panorama festivaliero italiano; è casuale semplice e non sistematico, in quanto è non stato deciso di somministrare il questionario secondo una logica distributiva ragionata.

I RISULTATI DELL’INDAGINE

Dal punto di vista della sostenibilità ambientale, dai dati emerge che:

    • 57,5% dei festival, ovvero 46 festival su 80, non fanno la raccolta differenziata;
    • 83,75% dei festival, ovvero 67 festival su 80, non consigliano soluzioni di ristoro e ospitalità attenti alla sostenibilità;
    • 87,5% dei festival, ovvero 70 festival su 80, non monitorano come i partecipanti sono arrivati al festival;
    • 86,25% dei festival, ovvero 69 festival su 80, non promuovono l’uso di mezzi human powered;
    • 82,5% dei festival, ovvero 66 festival su 80, stampano i loro programmi su carta, di cui solo 10 su carta riciclata;
    • 67,5% dei festival, ovvero 54 festival su 80, hanno sponsor che non applicano dichiarate politiche di sostenibilità.
report festival 2023

Sostenibilità ambientale – Report festival 2023



Dal punto di vista della sostenibilità sociale, dai dati emerge che:

  • 35% dei festival, ovvero 28 festival su 80, si svolgono in location con barriere architettoniche;
  • 21,25% dei festival, ovvero 17 festival su 80, sono diretti da donne (35 se si contano anche le compagnie e le collettanee in cui è presente almeno una donna);
  • 37,5% dei festival, ovvero 30 festival su 80, non hanno un programma gender balanced.
Sostenibilità sociale - Report festival 2023

Sostenibilità sociale – Report festival 2023


GUARDARE AL FUTURO

Con questo progetto, TrovaFestival vuole capire come i festival culturali italiani stiano oggi affrontando il tema della sostenibilità, evitando giudizi e commenti non costruttivi. A partire da una fotografia della situazione attuale, con le sue luci e le sue ombre. Il monitoraggio vuole evidenziare alcune difficoltà della transizione verso la sostenibilità e soprattutto valorizzare alcune buone pratiche che possono ispirare altre manifestazioni.
Anche se i dati raccolti fanno ipotizzare che il tema della sostenibilità, sia ambientale sia sociale, richieda pratiche più attente e più mirate, diversi festival stanno già mettendo in atto buone pratiche e le idee innovative. C’è quindi un ampio margine di miglioramento, che devo però essere accompagnato da una disseminazione efficace e corretta sia di buone pratiche sia di informazioni veritiere e attinenti al tema.
Durante l’osservazione sono infatti emerse diverse buone pratiche, grazie a festival attenti a queste problematiche, che da anni lavorano al tema. Sul versante dell’accessibilità, diversi festival per ogni evento segnalano chi può e chi riesce ad accedere all’evento grazie ad appositi simboli sul programma. Una manifestazione ha rinunciato all’energia elettrica, altre la fanno produrre ai propri spettatori facendoli pedalare. In un’ottica di economia circolare, diversi festival che usano scarti per produrre il proprio merchandising.
Per dare maggior risalto al tema della sostenibilità, TrovaFestival sta già lavorando alla terza edizione di In giro per festival, insieme alla casa editrice Altreconomia. La “guida nomade” ai festival culturali italiani 2023 sarà infatti ampliata con una sezione dedicata alla sostenibilità ambientale e sociale, proprio a partire dai numeri raccolti nel tour 2023.
Nel 2024 TrovaFestival, proseguendo la collaborazione con Ateatro, condurrà un nuovo monitoraggio, anche a partire dai festival coinvolti nel progetto 2023, per valutare l’evoluzione della situazione e per individuare ulteriori buone pratiche della sostenibilità.

Per informazioni: segreteria@trovafestival.it